Il tamarindo, frutto tropicale dalle tante proprietà

15/04/2021

3a2e9eaa-f80b-49b5-9dd2-657a76e8f519

Il tamarindo (Tamarindus indica L.) è un albero da frutto originario dell’Africa Orientale e India, ma coltivato in molte aree tropicali asiatiche e dell’America Latina.

La parte della pianta che ci interessa dal punto di visto gastronomico è il frutto, composto da baccelli di colore marrone. Al loro interno, i semi biancastri sono avvolti da una polpa verde tendente al marrone.

Il tamarindo in cucina

La parte commestibile è la polpa che circonda i semi nei frutti. Quando il frutto è giovane la polpa è verde e dura e da molti considerata troppo acida per essere mangiata. Man mano che il frutto matura diventa più dolce, meno acida e più appetibile. Ha un sapore intenso ed agrumato che esalta gli altri sapori in un piatto, più o meno allo stesso modo del succo di limone.

Nelle cucine orientali, la polpa di tamarindo viene utilizzata per preparare zuppe, salse, minestre o altri piatti che accompagnano il riso. In Messico viene servita spesso essiccata e salata, come spuntino. Viene anche utilizzata come spezia ed è un ingrediente della salsa Worcestershire.

In Italia è usata soprattutto per la preparazione di sciroppi che, diluiti con acqua, diventano ottime bevande rinfrescanti.

In commercio si possono trovare i baccelli di tamarindo anche sotto forma di polpa scura, di concentrato o di polvere. La pasta di tamarindo, chiamata anche “dattero d’India”, si ottiene dalla buccia privata dai semi e viene usata in particolare nei curry, nei chutney indiani e negli sciroppi.

Proprietà del tamarindo

Il tamarindo ha molte proprietà benefiche per l’organismo. È fonte di fibre, proteine minerali, come potassio, fosforo e magnesio, e vitamine, come la A, quelle del gruppo B e la vitamina C. 

Grazie alla presenza di tamarindina, principio attivo contenuto nei semi, il tamarindo ha inoltre proprietà antinfettive e antibatteriche. L’assunzione del tamarindo si rivela molto utile in caso di problemi di digestione e a livello gastrico in quanto ha buone proprietà lassative ed è un ottimo regolatore intestinale. Sono note inoltre i suoi effetti rinfrescanti, motivo per cui è così diffuso il suo sciroppo.