Jackfruit: il frutto che salverà la Terra dai cambiamenti climatici

08/08/2019

3bac187d-c762-423a-b71d-ff93b7ca283b

Il Jackfruit o Giaca è il frutto da albero più grande al mondopuò superare i 40 cm di diametro e un peso di 30 kg. Secondo gli esperti, questo particolare frutto potrebbe essere la soluzione per salvare l’agricoltura e le difficoltà dovute ai cambiamenti climatici: la facilità di coltivazione e la resa elevata lo indicano come un perfetto sostituto di alimenti come mais e grano.  

 

Questa pianta originaria dell’India, ma ormai coltivata in tutto il Sud-Est asiatico, può produrre fino a centocinquanta frutti a stagione, tanto da guadagnarsi il soprannome di “pianta miracolosa”. La sua particolarità è la versatilità nelle preparazioni culinarie: può essere consumato fresco, fritto o arrostito. Con il suo estratto si può realizzare una base da aggiungere alle zuppe e dal succo fermentato si ottiene una bevanda alcolica. Se consumato fresco ha un sapore dissetante e dolce, che ricorda un mix tra ananas e mela, ma se la polpa viene cotta a lungo acquista il caratteristico sapore della porchetta. 

 

Dal punto di vista nutrizionale, il Jackfruit è un vero e proprio super food perché, pur essendo calorico, è quasi del tutto privo di grassi. Contiene invece molti carboidrati, in particolare zuccheri, vitamine (C e B6) e sali minerali (potassio, magnesio, fosforo e calcio). 

 

Il consumo di Jackfruit è in forte ascesa in Italia, grazie al suo apporto proteico che lo rende un sostituto della carne, diventando un cibo preferito anche dai vegani o da chi vuole limitare il consumo di proteine animali, come ha ricordato lo chef stellato Bruno Barbieri in un episodio del celebre talent show Masterchef.