Hummus di ceci, la ricetta di un piatto senza frontiere

12/07/2018

46fdd2dc-1cff-4434-8866-34353efa91b4

Vi siete mai fermati a pensare ai poteri straordinari di una ricetta? Un piatto non è fatto soltanto della mescolanza creativa di materie prime, ma anche di benessere e di convivialità. Un piatto è l’espressione della cultura di un popolo, ma soprattutto è un linguaggio universale che supera ogni frontiera.
Un linguaggio che noi del Gruppo Elior conosciamo bene e che utilizziamo anche come un efficace strumento di solidarietà e integrazione. Dal 2016 ogni 20 giugno, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, partecipiamo al Refugee Food Festival, un’iniziativa dell’associazione francese Food Sweet Food e dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, e apriamo le porte dei nostri ristoranti agli chef provenienti dalle principali aree di crisi nel mondo. Profumi e sapori nuovi che si diffondono per le cucine e le tavole, diventando un’occasione per far conoscere il talento, la professionalità, le tradizioni dei loro autori. Come lo chef siriano che ha preparato per noi l’Hummus, un delizioso mix di proteine e fibre, ideale per le diete vegane. Da spalmare sulla Pita, il tradizionale pane arabo, o da abbinare a verdure, primi piatti e secondi, l’hummus è una salsa tipica della cucina mediorientale a base di ceci e tahin (una pasta di sesamo), ormai diffusa in tutto il mondo perché squisita e facilissima da preparare.
Provatela anche voi, ma attenzione, potrebbe creare dipendenza :) !

Hummus di ceci
Scaldate in una padella 400 g di ceci con 1 cucchiaio d’olio evo, un pizzico di cumino e un pizzico di paprika. Mettete i ceci in un mixer e frullateli con 60 ml di succo di limone, 60 g di tahin (che trovate in tutti i supermercati e negozi bio), 1 spicchio d’aglio, 1 cucchiaio d’olio evo, un pizzico di sale e 2/3 cucchiai d’acqua se necessari. Servite con un filo d’olio evo e della paprika.