Le spezie indispensabili per profumare l’inverno

05/11/2020

68ae2a75-b8cd-4889-8a0b-992f19dea216

L’inverno quando arriva lo fa prepotentemente, imponendosi con le sue giornate gelide. Come riscaldarsi e profumare i momenti più freddi? Zuppe, tè e tisane si rendono indispensabili per coccolarci, insieme a calde coperte, torte e biscotti. Ad aiutarci a profumare i nostri inverni ci sono loro: le spezie d’inverno, che ci riportano agli abbracci natalizi e ai momenti di gioia scanldando il cuore oltre che il corpo.

Buone e con proprietà benefiche, sono quattro le fantastiche spezie che non possono mai mancare nella dispensa

 

Chiodi di garofano

I chiodi di garofano derivano da una pianta sempreverde (Syzygium aromaticum) coltivata sopratutto in Madascar, Indonesia e Zanzibar. La spezia è costituita dai boccioli dei fiori, che vengono raccolti e poi essiccati. In cucina viene usata sia in preparazioni dolci, come torte e biscotti, che in preparazioni salate, come gli arrosti. I chiodi di garofano hanno un profumo forte, dolce e con una punta di pepato, dovuto alla presenza dell’eugenolo. Hanno un potere ossidante tra i più elevati in assoluto e uno spiccato potere come anestetico locale.

Cannella

La cannella (Cinnamomum verum) è una pianta nativa dello Sri Lanka, dal cui fusto si ricava l’omonima spezia. La cannella ha un aroma molto caratteristico che ricorda quello dei chiodi di garofano, ma più dolce e con una nota pepata. Usata spesso per aromatizzare dolci e torte, anche questa spezia ha un potere antiossidanti molto elevato. La comunità scientifica le riconosce inoltre la proprietà di abbassare il colesterolo e i trigliceridi nel sangue ed è considerata un buon antibatterico.

Zenzero 

Lo zenzero (Zingiber officinale) è una pianta erbacea orientale. Della pianta si usa il rizoma, modificazione del fusto con principale funzione di riserva, che in questa pianta è particolarmente carnoso. È lui che contiene i principi attivi della pianta e l’aroma caratteristico di questa spezia. Del suo sapore piccante è responsabile il gingerolo, composto dalle proprietà simili alla capsaicina del peperoncino. Lo zenzero è frequentemente usato in cucina ma ancora più spesso nella preparazione bevande analcoliche e alcoliche. Considerato un buon antinfiammatorio, lo zenzero stimola la digestione e la circolazione periferica e si è dimostrato efficace contro la nausea e la diarrea.

Noce moscata

La noce moscata (Myristica fragrans) è un albero originario dell’Indonesia ed è dal suo seme decorticato che si ottiene la noce moscata. Il suo aroma esotico, tra il piccante e il dolce, si presta sia a preparazioni salate che dolci. Nella cucina italiana è tradizionalmente aggiunta alla salsa besciamella o nel ripieno di tortelli e ravioli. Si ritiene che abbia proprietà antisettiche, in grado di migliorare la digestione e attenuare nausea, vomito e diarrea.