Chi ha provato i semi di chia? ecco l’alimento multitasking

15/05/2019

92112dfa-54b1-429e-a422-d76acd66f3e6

Tra gli alimenti che si sono affacciati recentemente nelle nostre cucine e che sono disponibili nei nostri supermercati, i semi di chia sono sicuramente qualcosa di singolare. Si tratta di piccoli semi di una pianta originaria dell’America centrale chiamata Salvia Hispanica, un pseudocereale che appartiene alla famiglia della menta e che possiede una storia molto antica, in quanto conosciuta e usata già in epoca precolombiana dagli atzechi che ne ricavavano una bevanda energetica.

Questi semi sono davvero molto piccoli e ricordano un po’ come composizione di nutrienti i più comuni semi di lino, ma a differenza di questi sono un alimento “multitasking” e hanno più proprietà in contemporanea. Dal punto di vista nutrizionale sono composti per il 42% da carboidrati, per il 31% da grassi, per il 16% da proteine e per il 6% da acqua.
I semi di chia sono una ricchissima fonte di vitamine del gruppo B, in particolare la B1 (tiamina) e la B3 (niacina) e contengono moderate quantità anche di vitamina B2 e B9 (acido folico). Non mancano poi molti minerali necessari alla nostra dieta, quali calcio, ferro, magnesio, manganese, fosforo e zinco.
In lingua atzeca, chia vuole dire oleoso, ed effettivamente questi semi hanno una buona composizione di acido linoleico, e se schiacciati e impastati con acqua creano una sorta di gel che può essere usato per diminuire la quantità di olio e uova nella preparazione dei dolci.

Due altre caratteristiche dei semi di chia li rendono interessanti per le diete ipocaloriche. Prima di tutto, i grassi presenti sono per la maggior parte polinsaturi e in particolare l’omega3 è presente in grande quantità, superando per percentuale non soltanto i già citati semi di lino, ma anche il salmone!
Inoltre, grazie alla cospicua presenza di fibre e per il fatto di essere altamente idrofilo, ovvero a contatto con l’acqua può assorbire liquido la fino a moltiplicare il peso 12 volte, aiuta a sentirsi sazi.

I benefici del consumo di semi di chia sulla salute sono molteplici: aiutano il transito intestinale grazie alla presenza di fibra, combattono le tossine e donano una pelle più bella, tonificano l’organismo grazie ai minerali presenti e sono adatti a tutti, in quanto non contengono glutine.
Infine vogliamo citare anche un altro beneficio di questo alimento, che non riguarda l’aspetto nutrizionale ma quello della conservazione: se risposti in un contenitore chiuso si conservano per anni, a differenza di altre varietà di semi, e saranno sempre pronti ad integrare le nostre ricette o a guarnire i nostri piatti.