L’importanza del miele

20/05/2021

c268000e-83cb-4c49-8c29-c041ff4d10bf

Il miele è un prodotto unico nel suo genere elaborato dalle api (Apis Mellifera) a partire dal nettare dei fiori, che viene raccolto, trasformato, disidratato e immagazzinato all’interno dell’alveare. In base alle specie di fiori che da cui le api prelevano il nettare si possono avere vari tipi di miele: millefiori, caratterizzati da nettare proveniente da tanti fiori, e uniflorali, dove una specie floreale è prevalente. Possiamo quindi trovare miele di acacia, castagno, tiglio, eucalipto, castagno, lavanda e molti altri, ognuno con le sue caratteristiche aromatiche peculiari. 

Il miele è conosciuto e apprezzato dall’uomo fin dall’antichità, che da sempre lo usa come dolcificante. Il suo aroma lo rende un’ingrediente prezioso sia in cucina, sia per la preparazione di piatti dolci che di salati. L’acquisto e la consumazione del miele è particolarmente importante per due motivi: il primo riguarda le sue proprietà nutritive, il secondo, ancora più importante, riguarda l’ambiente e la salvaguardia della biodiversità.

I benefici del miele sull’organismo

Le principali proprietà del miele sono antibatteriche e antiossidanti. Molti studi hanno dimostrato che il miele contrasta la proliferazione batterica, esercitando un effetto inibitore su circa 60 specie di batteri, compresi quelli aerobici e anaerobici, gram-positivi e gram-negativi. È inoltre molto ricco di antiossidanti che svolgono l’importante funzione di intercettare i radicali liberi, dannosi per l’organismo. 

Nella medicina erboristica, il miele è poi suggerito per la cura della pelle, come cicatrizzatore, e contro tosse e catarro.

L’importanza delle api per la biodiversità

L’aspetto più importante del consumo del miele, soprattutto quello acquistato da piccoli apicoltori, è però il risvolto positivo che può avere sulle api e la loro protezione. 

Le api sono insetti fondamentali per la vita del nostro pianeta, in quanto protagoniste principali del processo d’impollinazione, ossia il trasporto di polline da un fiore all’altro che permette alle piante di potersi riprodurre. Senza le api e gli insetti impollinatori scomparirebbero gran parte della varietà di piante, fiori e prodotti agricoli fondamentali per il nostro fabbisogno. 

Negli ultimi decenni, a causa del cambiamento climatico e del sempre maggiore utilizzo di pesticidi, la popolazione mondiale di api e vespe si è ridotta quasi del 40%. Per sensibilizzare la popolazione su questo tema, l’ONU ha istituito la giornata mondiale delle api, che si celebra ogni 20 maggio.

Tra le azioni che ognuno di noi può fare per preservare questa importantissima specie, oltre a ridurre i pesticidi e coltivare specie floreali amate dalle api, c’è anche l’acquisto del miele da apicoltori locali, sostenendo il loro lavoro.