Il cumino: proprietà e usi

18/02/2021

dd58f2c5-65ca-450e-869f-087d751e0faf

Il cumino è una spezia conosciuta dall’uomo fin dall’antichità. I primi ritrovamenti risalgono al secondo millennio a.C. e da quel momento l’utilizzo del cumino è stato tramandato da un popolo all’altro.

A testimoniarne l’importanza che ha rivestito per secoli il cumino nelle nostre cucine sono le leggende e i riti scaramantici a lui legati. Durante il Medioevo infatti si credeva che il cumino frenasse la fuga degli amanti e per questo motivo gli sposi che avessero portato dei semi di cumino con sé durante la cerimonia nuziale, avrebbero avuto una vita felice.

Ma di cosa si tratta esattamente questa spezia in cui in Italia ci imbattiamo ancora di rado?

Che cos’è il cumino 

Il cumino, inteso come spezia, è composta dai semi dell’omonima pianta erbacea (Cuminum cyminum) originaria dalla Siria. Viene utilizzato in cucina anche sotto forma di polvere, di colore ocra, ottenuta pestando o macinando i semi, di colore più scuro. La particolarità di questa spezia è data dal suo sapore intenso molto caratteristico. Il cumino infatti contiene molti olii essenziali e un’aldeide, la cuminaldeide, che gli donano un particolare aroma caldo, erbaceo, leggermente balsamico e amarognolo, con un sentore di limone.

Il cumino in cucina 

Il cumino è una spezia diffusa soprattutto nelle cucine nordafricana, mediorientale, indiana, cubana, brasiliana e nord-messicana. 

Lo si utilizza spesso per accompagnare piatti di carne, minestre, uova e formaggi. Il cumino si accosta bene con i piatti di carne a lunga cottura, come stufati e spezzatini, ma anche a verdure cotte o ai legumi. Nel Maghreb è spesso aggiunto ai piatti di couscous, alle tajine e sulle uova uova sode. In alcune parti del Messico è un ingrediente della salsa guacamole, mentre in India è spesso utilizzato in piatti di riso. Lo si trova molto spesso nei mix di spezie: è un ingrediente del curry, del chili, del garam masala e del baharat. Infine, il cumino è frequentemente utilizzato in infusione in tè e tisane, contro i problemi di stomaco.

Le proprietà e i benefici

I vantaggi di utilizzare il cumino in cucina non si limitano al suo peculiare aroma. Il cumino è infatti ricco di sostanze benefiche per il nostro organismo. È un antimicrobico naturale con proprietà stimolanti e carminative: ha effetti positivi sul sistema digestivo, stimolando le secrezioni del pancreas e alleviando coliche e gonfiori. È inoltre ricco di ferro e antiossidanti, combatte l’alitosi e aiuta ad abbassare il colesterolo e il diabete.